Amnesty International

Oltre sette milioni di persone sostengono Amnesty International partecipando a campagne e azioni, con il proprio contributo finanziario e/o in qualità di soci. Tutte queste persone hanno una visione: un mondo in cui i diritti umani sono rispettati e trasformati in realtà per tutti e senza distinzione. Amnesty International interviene sempre laddove i diritti umani sono calpestati – dai governi o da altri attori, come gruppi di opposizione, ribelli, imprese o persone private.

Lavorare presso Amnesty International

In Svizzera ci sono 81 gruppi locali di Amnesty International in cui sono attivi circa 1990 volontari. Il segretariato di Amnesty International conta 51 collaboratrici fisse/collaboratori fissi, 11 stagisti e persone che prestano servizio civile. Inoltre ci sono 25 donne e uomini che collaborano a titolo volontario nelle varie attività quotidiane.

Posti di lavoro e programmi per giovani leve

Amnesty International Svizzera offre presso il segretariato a Berna dei posti di lavoro per persone che prestano servizio civile e diversi tipi di pratiche professionali nei seguenti ambiti di lavoro: campagne, raccolta fondi, finanze, amministrazione, documentazione, educazione e comunicazione. Di regola gli stage durano 12 mesi.
Per saperne di più

Amnesty International Svizzera

Amnesty International (in inglese)

Sede in Svizzera
Berna

Campi di attività
Diritti umani e promozione della pace, libertà di espressione e libertà di riunione; difesa dei diritti delle donne; abolizione della tortura e della pena di morte; sicurezza e diritti umani; giustizia internazionale; diritti umani e povertà; responsabilità sociale delle imprese; libertà di opinione nell’era digitale.

Paesi di intervento
oltre 160 Paesi

Scoprite il panorama della CI

Che cosa significa cooperazione internazionale? Nel panorama del mondo di lavoro della CI troverete definizioni, attori ed esempi di carriera.

Newsletter cinfo

Rimanete al corrente degli ultimi sviluppi della cooperazione internazionale Svizzera grazie alla newsletter di cinfo.

Condividi questa pagina